Concessione dei contributi nella forma del credito d’imposta a favore di soggetti che effettuano erogazioni liberali per progetti di promozione e organizzazione di attività culturali e di valorizzazione del patrimonio culturale.

IN CHE COSA CONSISTE L'INIZIATIVA

Si tratta della concessione dei contributi nella forma del credito d’imposta a favore di soggetti che effettuano erogazioni liberali per progetti di promozione e organizzazione di attività culturali e di valorizzazione del patrimonio culturale, in attuazione dell’articolo 7, commi da 21 a 31 della legge regionale 6 agosto 2019, n. 13 (Assestamento del bilancio per gli anni 2019 – 2020 – 2021 ai sensi dell’articolo 6 della legge regionale 10 novembre 2015, n. 26) e del d.p.reg. 196/2019.

Di seguito sono riportati gli elementi di sintesi del regolamento, a cui si rimanda per approfondimenti e conferma dei dati di sintesi.
 

Ritorna all'indice

CHI SONO I BENEFICIARI DELL’INIZIATIVA

Possono beneficiare del credito di imposta i seguenti soggetti, aventi sede legale o operativa sul territorio regionale:
a) le microimprese, le piccole imprese e le medie imprese che, alla data della presentazione della domanda di contributo, soddisfino i requisiti di cui all’Allegato I al regolamento (UE) n. 651/2014;
b) le grandi imprese;
c) le fondazioni, escluse le fondazioni bancarie.

Tali soggetti devono possedere, tra gli altri, i seguenti requisiti:
a) avere la sede legale o operativa in Friuli Venezia Giulia alla data di presentazione della domanda;
b) finanziare uno dei progetti di cui all’art. 9 del d.p.reg. 196/2019;
c) finanziare i progetti con un importo minimo pari a:
    1) 10.000,00 euro per le fondazioni, le grandi e medie imprese;
    2) 5.000,00 euro per le micro e piccole imprese.
 

Ritorna all'indice

PROGETTI FINANZIABILI OGGETTO DI EROGAZIONI LIBERALI

I progetti finanziabili oggetto di erogazioni liberali sono:

a) i progetti di intervento localizzati in Friuli Venezia Giulia aventi le seguenti finalità: promozione e organizzazione di attività culturali o valorizzazione del patrimonio culturale.
b) i progetti di intervento previsti all’art. 1 del decreto legge 31 maggio 2014, n. 83 (Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura ed il rilancio del turismo), convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106, localizzati in Friuli Venezia Giulia.

I progetti finanziabili per il 2019 sono esclusivamente quelli inseriti nell’elenco di cui all’allegato A al regolamento di attuazione.

 

Ritorna all'indice

MODALITA’DI EROGAZIONE DELLA LIBERALITA’

Le erogazioni liberali sono effettuate avvalendosi esclusivamente di uno dei seguenti sistemi di pagamento: 
       • bonifico bancario; 
       • versamento su conto corrente intestato al soggetto promotore.

In via straordinaria, per l’anno 2019, sono ammesse a contributo le erogazioni liberali effettuate a decorrere dal 10 agosto 2019. In tal caso, per accedere all’Art bonus regionale occorrerà inviare, congiuntamente alla domanda di contributo, idonea documentazione attestante l’avvenuta liberalità.
 

Ritorna all'indice

INTENSITÀ DEI CONTRIBUTI

Ai soggetti beneficiari è riconosciuto un credito d’imposta, nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di stato in regime de minimis, nelle seguenti misure:

• 40 per cento delle erogazioni liberali destinate a favore dei progetti di cui all’articolo 9, comma 1, lettera a) del d.p.reg. 196/2019, ovverosia a progetti di intervento   localizzati in Friuli Venezia Giulia aventi le finalità di: PROMOZIONE E ORGANIZZAZIONE DI ATTIVITA’ CULTURALI o di VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE, promossi dai PROMOTORI accreditati.

• 20 per cento delle erogazioni liberali destinate in favore dei progetti di cui all’articolo 9, comma 1, lettera b) del d.p.reg. 196/2019, ovverosia ai progetti d’intervento previsti all’articolo 1 del decreto legge 31 maggio 2014, n. 83 (Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura ed il rilancio del turismo) convertito, con modificazioni, dalla legge 106/2014, localizzati in Friuli Venezia Giulia.

Si sottolinea che il credito di imposta regionale è cumulabile con quello nazionale.

Ritorna all'indice

DOTAZIONE FINANZIARIA

La dotazione finanziaria per il 2019 è pari ad euro 350.000,00 euro.

Ritorna all'indice

DOMANDA DI CONTRIBUTO - SEZIONE RICHIEDENTI

Termini presentazione per il 2019:

- dal 31 ottobre al 22 novembre 2019

Può essere presentata una sola domanda di contributo per ogni progetto finanziabile.

Per l’anno 2019 la domanda deve essere presentata attraverso Posta Elettronica Certificata (PEC) del richiedente redatta secondo il fac-simile approvato e pubblicato unitamente alla documentazione parte integrante della medesima nella pagina modulistica accessibile da questa sezione del sito.

Iter concessione del credito di imposta per l’anno 2019:
Entro 10 giorni dalla data di ricevimento della domanda, la Regione comunica al beneficiario la prenotazione del contributo nella forma di credito d’imposta.
Entro i successivi 7 giorni, il richiedente presenta alla Regione idonea documentazione attestante l’avvenuta erogazione liberale (bonifico; versamento su c/c intestato al soggetto promotore).
Entro 30 giorni dal ricevimento della domanda, il contributo viene concesso con decreto del Direttore centrale competente in materia di cultura.

Iter concessione del credito di imposta per l’anno 2020:
Dal 2020 le domande di contributo da parte dei beneficiari potranno essere presentate a partire dall’1 marzo al 30 ottobre 2020, attraverso l’utilizzo del sistema informatico dedicato, cui si accede dal sito istituzionale della Regione www.regione.fvg.it, nella sezione dedicata alla cultura.
Entro 20 giorni dalla data di ricevimento della domanda, è data al richiedente comunicazione di prenotazione del contributo nella forma di credito d’imposta.
Entro i successivi 30 giorni, il richiedente presenta alla Regione idonea documentazione attestante l’avvenuta erogazione liberale (bonifico; versamento su c/c intestato al soggetto promotore).
Entro 60 giorni dal ricevimento della domanda, il contributo viene concesso con decreto del Direttore centrale competente in materia di cultura.
 

Ritorna all'indice

DOMANDA DI ACCREDITAMENTO DEI PROMOTORI – SEZIONE PROMOTORI

I progetti di intervento, localizzati in FVG, devono essere promossi dai seguenti PROMOTORI:
- Comuni del FVG
- altri soggetti pubblici o privati, senza scopo di lucro, con sede legale o operativa in FVG, che abbiano, nel loro statuto o nell’atto costitutivo, esplicita indicazione di finalità prevalentemente o esclusivamente volte alla promozione e/o organizzazione e/o gestione di attività culturali, o alla valorizzazione del patrimonio culturale.
I promotori devono ACCREDITARSI come previsto dal d.p.reg. 196/2019.
I PROMOTORI presentano la domanda di accreditamento utilizzando il fac-simile “DOMANDA DI ACCREDITAMENTO DEI PROMOTORI”, pubblicato nella pagina modulistica accessibile da questa sezione del sito.

Si ricorda che sono automaticamente accreditati i seguenti soggetti:

• I Comuni del Friuli Venezia Giulia

• L’Ente regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia (ERT);
• L’Istituzione musicale e sinfonica del Friuli Venezia Giulia
• L’Associazione Cineteca del Friuli;
• Il Centro di ricerca e archiviazione della fotografia (CRAF);
• L’Università popolare di Trieste;
• La Fondazione Aquileia;
• I soggetti gestori territoriali di ciascun sito Unesco regionale;
• Il Museo regionale etnografico storico sociale - MESS.
• I musei comunali del Friuli Venezia Giulia;
• I musei privati a rilevanza regionale;
• I Sistemi bibliotecari;
• Le biblioteche pubbliche di ente locale;
• Le biblioteche di interesse regionale;
• Gli enti locali e soggetti titolari di archivi storici.
 

Ritorna all'indice

PRESENTAZIONE DEI PROGETTI AI SENSI DELL’ART. 13 DEL DPREG. 196/2019

I PROMOTORI trasmettono la domanda di presentazione dei progetti finanziabili utilizzando il fac-simile “PRESENTAZIONE DEI PROGETTI FINANZIABILI DA PARTE DEI PROMOTORI ACCREDITATI” e relativa documentazione parte integrante della medesima: fac-simile della relazione illustrativa del progetto di promozione e organizzazione di attività culturali oppure fac-simile della relazione illustrativa del progetto di valorizzazione del patrimonio culturale.
I fac-simile sono pubblicati nella pagina modulistica accessibile da questa sezione del sito.

I PROMOTORI presentano alla Regione i progetti di intervento che intendono candidare a finanziamento nell’anno successivo:
• QUANDO: entro il 31 dicembre di ogni anno
• COME: attraverso Posta Elettronica Certificata (PEC) del promotore.

I progetti sono valutati dalla Commissione di valutazione.
 

Ritorna all'indice

PROGETTI FINANZIABILI INSERITI NELL’ELENCO DI CUI ALL’ART. 15 DEL DPREG. 196/2019

La Giunta regionale, entro il 28 febbraio di ogni anno, individua l’elenco dei progetti d’i ntervento finanziabili.

Sono inseriti nell’elenco i seguenti progetti:

Art. 15, comma 2
• Progetti di intervento, presentati ai sensi dell’art. 13

Art. 15, comma 3
• Progetti triennali finanziati dalla L.R. 16/2014

Art. 15, comma 4
• Progetti annuali, finanziati dalla L.R. 16/2014, che abbiano ottenuto il punteggio minimo individuato con deliberazione della Giunta regionale

Art. 15, comma 7
• Progetti d’intervento previsti dall’art. 1 del D.L. 83/2014, convertito dalla legge 106/2014, localizzati in Friuli Venezia Giulia.

Sono inseriti nell’Elenco i progetti presentati dai seguenti soggetti:

Art. 15, comma 5
• Ente regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia (ERT);
• Istituzione musicale e sinfonica del Friuli Venezia Giulia, relativi all'attività istituzionale e di interesse pubblico ai sensi dell’art. 17 bis della L.R. 16/2014;
• Associazione Cineteca del Friuli;
• Centro di ricerca e archiviazione della fotografia (CRAF);
• Università popolare di Trieste;
• Fondazione Aquileia;
• dei soggetti gestori territoriali di ciascun sito Unesco regionale;
• Museo regionale etnografico storico sociale - MESS.

Art. 15, comma 6
• Musei comunali del Friuli Venezia Giulia;
• Musei privati a rilevanza regionale inseriti nell’Elenco all’art. 8, comma 5 della L.R. 23/2015;
• Sistemi bibliotecari (art. 25 della L.R. 23/2015);
• Biblioteche pubbliche di ente locale del Friuli Venezia Giulia di cui all’art. 29 della L.R. 23/2015;
• Biblioteche di interesse regionale (art. 30 della L.R. 23/2015);
• Enti locali e altri soggetti titolari di archivi storici, ai sensi dell’art. 37 della L.R. 23/2015.


 

Ritorna all'indice

A CHI CHIEDERE INFORMAZIONI

Regione Autonoma FVG
Direzione centrale Cultura e Sport
Tania D’Ambrogio 040 3774251 – tania.dambrogio@regione.fvg.it
Ottavia Pitteri 040 3773458 – ottavia.pitteri@regione.fvg.it
Francesca Secco 040 3773479 – francesca.secco@regione.fvg.it.
 

Ritorna all'indice